Università dell’Insubria: il sondaggio del progetto Agevola per badanti e anziani

Università dell’Insubria: il sondaggio del progetto Agevola per badanti e anziani

Sono tanti i problemi quotidiani che gli anziani italiani devono affrontare: compilazione moduli, prenotazioni visite mediche e parlare con enti pubblici o istituzioni.

Tutto ciò spesso viene affidato ai badanti che in linea di massima hanno origini straniere e che non sempre conoscono bene la lingua italiana. È quindi possibile aiutare sia i badanti che gli anziani affinché i primi possano fare tranquillamente il loro lavoro e i secondi vengano tutelati e curati in maniera adeguata?

Affinché si possa trovare una risposta a questa domanda, con il progetto Agevola, l’Università di Insubria, ha messo a disposizione online un sondaggio dedicato alla città di Varese.

Questo sondaggio avrà lo scopo di analizzare gli aspetti del rapporto con la tecnologia e della comunicazione, nonché qualche domanda sull’impatto del Covid-19.

Il progetto Agevola (assistenza, gestione, volontariato, anziani) è nato nel 2018 grazie a un bando di ricerca scientifica del valore di 200 mila euro di Fondazione Cariplo e vinta dal Disuit.

L’obbiettivo di questo sondaggio sarà di analizzare le tre parti in questione che sono: gli assistenti famigliari (badanti), gli anziani e la famiglia dell’anziano.

Alla fine del sondaggio, verranno raccolti tutti i dati necessari affinchè si possano realizzare dei siti internet appositi nonché delle applicazioni che agevolino tutte e tre le parti.

Inoltre, i siti nuovi e le app verranno sviluppate non solo in italiano ma anche in russo, ucraino, spagnolo e inglese, in modo da facilitare ancor di più il suo utilizzo.

Un progetto per la città di Varese che porterà sicuramente di grossi vantaggi nella delicata gestione di persone anziane, dei problemi delle famiglie degli assisiti ma anche degli assistenti famigliari.

Redazione