Como: aprono palestre e piscine con tante nuove norme di sicurezza

Como: aprono palestre e piscine con tante nuove norme di sicurezza

Nella serata di ieri 29 maggio 2020, Attilio Fontana ha finalmente firmato la delibera che permette nella regione Lombardia la riapertura alle palestre e alle piscine dopo un lunghissimo periodo di chiusura, causa Covid-19.

Piscine, palestre, circoli sportivi e culturali potranno finalmente aprire nella giornata del 30 maggio, con molte regole e normative di sicurezza da rispettare sia come gestori che come clienti.

Le norme nuove imposte avranno valore fino al 14 giugno e in seguito all’esito di questa riapertura di “prova” si valuterà il da farsi.

Anche l’attività fisica all’aperto è prevista dal Dpcm, ma sempre rispettando i 2 metri di distanza.

Ma non solo, anche i parchi a tema e di divertimento possono riaprire, così come anche i parchi faunistici.

Proseguendo con la lettura della deliberazione, si legge come vi sia l’obbligo di tutti i cittadini di indossare la mascherina anche all’aperto.

Per i datori di lavoro vi è l’obbligo di misurare la febbre dei propri dipendenti e anche in caso di attività a contato con il pubblico, misurare la temperatura corporea anche dei clienti.

Vietato ancora l’utilizzo delle slot machine all’interno di luoghi pubblici.

Piscine e palestre le norme di riapertura

Per quanto concerne i luoghi pubblici come piscine e palestre è fortemente consigliata la prenotazione affinchè si possano evitare assembramenti e una migliore gestione degli spazi pubblici.

Sia che si entri in palestra che si entri in piscina, bisognerà farlo indossando la mascherina e igienizzando le mani all’ingresso presso gli specifici punti.

Anche la febbre verrà misurata a tutti i clienti che entrano e se essa sarà al di sopra di 37.5 non si potrà entrare.

Inoltre, prima di iniziare qualsiasi tipo di attività all’interno di palestre e piscine, bisognerà indicare il proprio nome e cognome e compilare un’autocertificazione dove si dichiara lo stato di salute e soprattutto se si è stati contagiati dal Covid-19.

Per quanto riguarda l’abbigliamento e gli spogliatoi, per molte attività rimarranno chiuse, invitando i clienti a presentarsi già vestiti con gli indumenti necessari.

Per le palestre o piscine che metteranno a disposizione gli spogliatoi, gli ingressi saranno contingentati e gli indumenti dovranno essere riposti all’interno di un borsone.

Durante l’utilizzo delle attrezzature sportive e l’attività fisica non è obbligatoria la mascherina ma solo il distanziamento sociale.

Per quanto riguarda l’uso della piscina la distanza di sicurezza da mantenere è di 1 metro e mezzo e ogni persona avrà a disposizione 7 metri quadrati di superficie.

Gli allenatori dovranno tenere la mascherina.

Tante norme di sicurezza da rispettare ma se fatto fin da subito eviterà spiacevoli ricadute.

Redazione