Capodanno a Roma: le principali usanze e tradizioni

Capodanno a Roma: le principali usanze e tradizioni

Il giorno di capodanno è accompagnato, in un gran numero di culture, da una serie particolarmente ampia di riti legati alla scaramanzia, ma anche a tante usanze e abitudini. Infatti, capita di scoprire dei giochi di capodanno che non si era mai sentiti, esattamente come quelli che fanno parte della grandissima tradizione popolare romana.

Per chi volesse trascorrere il capodanno a Roma, quindi, sarebbe molto interessante conoscere quali sono i riti scaramantici legati alla capitale. Chiaramente, non bisogna lasciarsi influenzare eccessivamente dalle superstizioni, ma può essere sicuramente molto divertente dare un’occhiata ai rituali tradizionali di Roma.

I rituali scaramantici di capodanno a Roma

La tavola si può considerare come uno degli aspetti più importanti nel corso dell’attesa che porta allo scoccare della mezzanotte nella capitale. Tra le usanze maggiormente legate alla tradizione a Romana, infatti, c’è sicuramente quella di realizzare un menu di capodanno, in cui a farla da padrone sono due piatti come zampone e lenticchie, che non possono assolutamente mancare sia nelle case private che all’interno dei ristoranti. Inoltre, non devono assolutamente mancare anche il peperoncino con il melograno, che vengono ritenuti dei cibi perfetti come auspicio di buona fortuna per l’anno che verrà.

Per chi è un po’ fissato con la scaramanzia, la tavola non è l’unico aspetto da tenere in considerazione se dovesse decidere di festeggiare il capodanno a Roma. Infatti, si dovrà organizzare con cura anche il tour dei luoghi da visitare nel corso del capodanno romano: non può assolutamente mancare la Fontana di Trevi. Infatti, le tradizioni più antiche sostengono come lanciare una moneta, posizionati di spalle, all’interno di questa Fontana, può portare fortuna, ma soprattutto assicurare di tornare almeno un’altra volta nella “Città Eterna”.

I luoghi da visitare nel capodanno romano

Con il passare del tempo, si sono susseguite anche altre usanze che sono sempre legate alla Fontana di Trevi. Giusto per fare un esempio, il rito scaramantico legato al lancio della moneta si è differenziato in un gran numero di varianti. Ad esempio, si è diffusa la suggestione secondo cui lanciando due monete all’interno della Fontana ci sia la possibilità di trovare l’amore della propria vita, mentre per essere di buon auspicio per il proprio matrimonio servirebbe lanciarne almeno tre.

Tra gli altri luoghi particolarmente legati alla tradizione romana e a vari riti scaramantici troviamo sicuramente Villa Palombara, che si consiglia di visitare nel corso del veglione di Capodanno a Roma. Uno dei luoghi più belli da approfondire, che è collocato sull’Esquilino e che ospita quella che è stata definita “Porta Magica”, ovvero una capace che avrebbe la capacità di far diventare oro qualsiasi metallo.

Una leggenda che risale addirittura al 1800, che narra delle vicende di un famoso alchimista che passò una notte all’interno proprio di Villa Palombara, con l’intento di trovare un’erba miracolosa che sembra avesse il potere di trasformare i metalli in oro. Il mattino successivo la leggenda dice che scomparve dietro la Porta Magica, lasciando a terra una cartina su cui erano impressi enigmi e pure una simbologia legata alla magia. E non solo, dato che dietro quella porta pare che venga custodito il segreto legato alla pietra filosofale. 

Redazione